5 idee per un’estate wildlife e solidale

solidale

Ranch Nuova Zelanda

Attraverso il Viaggio Solidale (nel 2016 ha segnato un + 30%) è possibile portare il proprio aiuto, in alcuni casi già a partire dai 16 anni, nei paesi più in difficoltà in tutto il mondo.

In particolare i Viaggi Solidali Ecologici permettono agli amanti della natura di contribuire alla protezione dell’ambiente, dai fondali marini in Sudafrica alla cura degli elefanti in Thailandia, o di prendere parte a un progetto fotografico per il monitoraggio degli animali nelle riserve naturali.

Se vi interessa vivere un’esperienza del genere, Viaggio Solidale WEP, organizzazione internazionale leader nella promozione di scambi linguistici ed educativi, offre alcuni programmi di volontariato ecologico o umanitario in tutto il mondo per un’estate fuori dal comune.

Ecco alcune proposte:

Curare gli elefanti della Tailandia

Si chiama Mahout e letteralmente significa colui che “conduce gli elefanti”. Vive immerso nella natura incontaminata della Thailandia e ogni giorno, nelle zone rurali lontane dai grandi centri urbani, si prende cura degli elefanti che hanno subito maltrattamenti. Niente connessione internet né telefonia mobile, ma le grandi montagne del Nord alle spalle e le cascate Mae Ya intorno al fiume Mae Chaem. È il Wildlife/Thailandia che permette di sperimentare la vita di un Mahout, scoprendo le tradizioni e le abitudini degli abitanti di Huay Pakoot, un villaggio a circa due ore di distanza dalla città più vicina, Mae Chaem. Insieme a lui si partecipa alla riabilitazione dei molti esemplari che spesso subiscono maltrattamenti in un ambiente naturale e protetto, alloggiando presso una famiglia del posto e vivendo a stretto contatto con la loro cultura.

Durata: da 2 a 12 settimane

Età minima per partire: 18 anni

Destinazione: Huay Pakoot, Thailandia

solidale

Elefanti Thailandia

Vivere in un Ranch in Nuova Zelanda

Svegliarsi in una fattoria neozelandese, dove i ritmi di produzione si adeguano alla natura della terra, fra pascoli smeraldo e laghi azzurri. Con il progetto Farm/Nuova Zelanda è possibile immergersi nella quotidianità di una fattoria dell’Arcipelago per scoprire il tipico modo di vivere degli agricoltori e degli allevatori locali. Fattorie a conduzione familiare o agriturismi nel cuore delle zone rurali… l’occasione è unica per scoprire la Nuova Zelanda fuori dei sentieri battuti.

Durata: da 4 a 12 settimane

Età minima: 19 anni

Destinazione: zone rurali della Nuova Zelanda come Northland, Hawkes Bay, Bay of Plenty, Poverty Bay, Northland, Taranaki, Waikato, The Manawatu, Wairarapa, Nelson / Marlborough, Canterbury, West Coast o Central / Southern Otago.

Surfare nella Gold Coast australiana

57 chilometri lungo la costa orientale dell’Australia, a sud di Brisbane: la Gold Coast, nello stato del Queensland, è uno dei maggiori centri turistici australiani. Il clima subtropicale, le spiagge bianche e l’acqua cristallina lo rendono il paradiso del surf. In questa fantastica lingua di terra sarà possibile unire dovere e piacere con il programma Gold Coast/Australia che permette di frequentare un corso di surf al pomeriggio, mentre la mattina è dedicata all’apprendimento dell’inglese nel centro linguistico del campus del Martin College, magnifico per chi ama la vita da spiaggia e i barbecue.

Durata: da 1 a 17 settimane

Età minima: 16 anni

Destinazione: Gold Coast, Australia

Nuotare fra razze e tartarughe nei fondali marini del Sudafrica

Sodwana Bay è una località balneare conosciuta in tutto il mondo per le spiagge e i fondali marini. La città si trova vicino alla costa, nella parte interna di uno dei più importanti siti protetti del Sudafrica, patrimonio mondiale dell’UNESCO, l’iSimangaliso Wetland Park. Più di 220 km di costa nei quali è possibile trovare moltissimi habitat naturali come barriere coralline, dune e la riserva marina di Santa Lucia. Conosciuto come uno dei migliori posti al mondo per le immersioni, il villaggio è la destinazione migliore per andare alla scoperta della vita sotto la superficie.  Con il programma Sealife/Sudafrica, dopo un corso di formazione, sarà possibile immergersi fino a 18 metri di profondità. Al termine del primo percorso di avvicinamento, partirà poi la fase di avvistamento e monitoraggio delle grandi specie marine come gli squali-balena, le tartarughe o le razze che popolano Sodwana Bay, assistendo l’équipe locale nelle ricerche e nell’identificazione degli animali.

Durata: da 2 a 12 settimane

Età minima: 18 anni

Destinazione: Sodwana Bay, Sudafrica

solidale

Sealife

Fotografare leopardi e rinoceronti del Greater Kruger National Park in Sudafrica

Trovarsi a poche centinaia di metri da un leone o da un bufalo della savana africana, nel cuore del Greater Kruger National Park, una riserva che occupa più di 1800 chilometri quadrati di terreno dedicata alla salvaguardia degli animali, all’interno della quale i Big 5 – leone, elefante, rinoceronte, bufalo e leopardo – si muovono liberamente. Per gli amanti dell’avventura e della fotografia, il progetto Wildlife/Sudafrica permette di prendere parte alla salvaguardia della riserva e a un progetto fotografico le cui immagini andranno a far parte di una base dati per le associazioni che lottano per la protezione degli animali. Le foto vengono inoltre utilizzate per la ricerca e lo studio degli animali e per ricavare fondi per le campagne di sensibilizzazione.

Durata: 4 settimane

Età minima: 18 anni

Destinazione: Greater Kruger National Park, Sudafrica

 Info

Tel. +39 011 6680902

[email protected]
wep.it

WEP è un’organizzazione internazionale al servizio dei giovani, che segue ogni anno circa 4000 ragazzi in partenza dall’Italia verso 65 Paesi e in arrivo nella nostra penisola da tutto il mondo. I suoi programmi comprendono: soggiorni di gruppi scolastici durante l’anno (stage linguistici) o durante l’estate (vacanze-studio); corsi di lingua all’estero; programmi di lavoro, stage e volontariato all’estero; i programmi “High School” per i ragazzi delle superiori per trascorrere un trimestre, un semestre o un anno scolastico all’estero.

 

RedazioneEcoturismonline@ecoturismonline.it'

Author: Redazione Ecoturismonline

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *