Archeologia industriale a Torviscosa

torviscosa

Appuntamento sabato 14 e domenica 15 novembre con l’iniziativa Quando l’Italia aveva le fabbriche organizzata dal Comune di Torviscosa (UD) nel locale Centro Informazione Documentazione (CID), per promuovere la conoscenza della storia dell’impresa in Italia e in particolare quella della SNIA Viscosa, cui Torviscosa deve il nome e la propria esistenza.

La visita delle storiche strutture industriali della SNIA Viscosa, risalenti al 1938-1940, aperte al pubblico in via eccezionale in questi due giorni grazie alla disponibilità di Bracco S.p.A. e di Caffaro Industrie S.p.A., è un’opportunità molto rara, poiché gli spazi sono tuttora utilizzati dalle odierne attività produttive. L’ultima apertura al pubblico, infatti, risale a oltre 10 anni fa.

In quest’occasione, sarà possibile visitare il viale principale del complesso industriale fino alle due torri littorie ed entrare inoltre nell’ex centrale termoelettrica per ammirare il grande pannello ceramico che l’artista Angelo Biancini realizzò nel 1963.

In programma, visite guidate all’interno dello stabilimento industriale, due mostre documentarie, una presentazione-spettacolo del Poema di Torre Viscosa di F.T. Marinetti, cui sono ispirati, infine, anche aperitivi e degustazioni “futuristi”.

Torviscosa è una piccola cittadina della Bassa friulana: è una “città di fondazione”, sorta nel corso degli anni ’30 nei territori di bonifica e caratterizzata dalle architetture di regime. L’autarchia all’epoca costringe la SNIA Viscosa a cercare il modo di produrre cellulosa a partire da materie prime nazionali e in particolare dalla canna palustre.

Ma oltre ai beni architettonici, urbanistici e di archeologia industriale, Torviscosa conserva anche un eccezionale patrimonio documentario fatto di fondi archivistici aziendali e comunali, mappe e progetti, grandi plastici degli stabilimenti SNIA e una collezione fotografica di circa 10.00 lastre prodotte dagli anni ’30 dal fotografo Vincenzo Aragozzini per la SNIA e le sue associate in tutta l’Italia.

Insomma, si presenta uno spaccato della storia dell’impresa italiana del Novecento, dalle misure autarchiche degli anni ’30 allo straordinario sviluppo del manifatturiero degli anni ’50 e ’60, alla crisi del settore chimico e ai problemi dell’inquinamento industriale degli ultimi decenni.

Il Comune ha promosso questo evento con il sostegno della Regione Friuli Venezia Giulia, il patrocinio di Confindustria e soprattutto con la collaborazione delle aziende operanti nell’area industriale storica.

La Bracco, presente a Torviscosa con lo stabilimento SPIN, qualche anno fa ha curato il restauro conservativo degli edifici industriali risalenti agli anni 1938-1940 in cui è insediata, intervento che è stato poi scelto dalla Biennale di Architettura di Venezia e presentato nel Padiglione Italia come esempio virtuoso di rapporto tra imprese e territori.

Ultimamente, invece, la Fondazione Bracco ha deciso di finanziare la digitalizzazione delle 10.000 lastre fotografiche dell’archivio della SNIA ora conservate a Torviscosa.

Per prenotare la visita allo stabilimento industriale: goo.gl/z4D5ko

I visitatori saranno accompagnati da una guida turistica. L’ingresso è gratuito.

Info:

Facebook

Comune Torviscosa

RedazioneEcoturismonline@ecoturismonline.it'

Author: Redazione Ecoturismonline

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto