Cosa vedere a Bari

Bari

Il faro di S.Cataldo, antica presenza nelle immediate vicinanze del porto. Costruito nel 1869, fu utilizzato dal 1904 come stazione trasmittente telegrafica, grazie agli esperimenti condotti da Guglielmo Marconi, che riuscì a organizzare un servizio continuativo con il Montenegro. Credit: Mimmo Torrese

È sempre stata considerata la porta d’Oriente, fin da quando era una delle tappe obbligate per raggiungere la Terra Santa. Bari, tra i dieci migliori posti da vedere in Europa quest’anno secondo la Lonely Planet, è sicuramente una meta che affascina il visitatore sia per la gloria del passato testimoniato dai tanti edifici storici sia per il quartiere antico, impregnato di odore di salsedine.

Bari

Via Sparano, la via dello shopping con boutique eleganti e grossi nomi del franchising. Riqualificata alcuni anni or sono, oggi è il luogo di incontro dei giovani alla moda e delle famiglie. Credit: Mimmo Torrese

Città accogliente, ha per patrono un santo “forestiero” che è venerato dai cattolici, dagli ortodossi e da alcune altre religioni. È da lui che è venuto fuori la leggenda di babbo natale.

bari

Gli archi interni della basilica di S.Nicola. Costruita intorno al 1087 per l’arrivo delle reliquie del santo, oggi è il punto di incontro dei cattolici e degli ortodossi di tutto il mondo. Credit: Mimmo Torrese

San Nicola è anche considerato il protettore dei bambini, forse è per questo che Bari è una città a misura di bambino, con il suo bel lungomare pieno di luce e di aria buona.

Bari

Il lungomare di Bari. Credit: Mimmo Torrese

Anche la proposta culinaria costituisce un motivo in più per trascorrere delle ore piacevoli tra storia, mare e arte.

Bari

Orecchiette fatte a mano con cime di rape – signora Nunzia. Credit: Mimmo Torrese

Ma per scegliere quali punti di interesse si vogliono visitare, lasciamo spazio alle belle immagini.

Bari

La cattedrale di San Sabino, costruita in stile romanico, è uno scrigno pieno di tesori d’arte. Notevole il pulpito. Credit: Mimmo Torrese

 

Bari

San Sabino: la rosa del solstizio nella cattedrale. In occasione di questo evento i raggi di sole del rosone centrale in una determinata ora coincidono perfettamente con l’immagine circolare disegnata sul pavimento. Credit: Mimmo Torrese

 

Bari

Una galleria d’arte nel centro antico. Si tratta di Museonuovaera, che utilizza degli splendidi locali medievali per i suoi allestimenti, uno di questi era utilizzato come cisterna per l’olio d’oliva. In foto la gallerista e l’artista Annamaria Suppa. Credit: Mimmo Torrese

 

Bari

Tè e tisane costituiscono solo una piccola parte dell’offerta di prodotti naturali e biologici di Terza Luna, che apre I suoi battenti a via Petrone. Molto fornito il settore spezie. Credit: Mimmo Torrese

 

Bari

Largo Albicocca, ultimamente sottoposta a un restyling grazie al contributo del colosso dei mobili fai da te svedese. Credit: Mimmo Torrese

 

Bari

Il cavallo di Mario Ceroli a corso Vittorio Emanuele. Credit: Mimmo Torrese

 

bari

L’antico negozio di dolciumi Marnarid, punto di ritrovo tradizionale dei golosi e degli amanti delle botteghe d’epoca. Praticamente è rimasto quasi uguale a quando aprì i battenti. Cioccolato di qualità e prodotti per pasticceria. Credit: Mimmo Torrese

 

Bari

Arco Meraviglia – ponte degli innamorati costruito in una sola notte per permettere a due ragazzi che si amavano di vedersi. Costruito intorno al 1500 probabilmente per unire due proprietà. Credit: Mimmo Torrese

 

bari

La caffetteria Coffetto punta sui giovani. Oltre a una buona tazza di caffè, disponibili anche brioche, marmellate e prodotti bio. Credit: Mimmo Torrese

Author: Mimmo Torrese

Fotografo, giornalista, appassionato conoscitore dell'arte contemporanea e sottile osservatore delle cose che lo circondano. Nato professionalmente con la pellicola invertibile e con la macchina da scrivere, è un entusiasta sostenitore della tecnologia binaria e della straordinaria forza comunicativa della Rete. Ha scritto per molti anni su due grandi quotidiani del mezzogiorno, Il Mattino e il Roma, ha fatto parte della redazione della rivista Fotografare e ha collaborato con Il Fotografo e Reflex. Oltre ad un blog, Dagherrotipo Torrese, ha tenuto anche una rubrica sul portale dedicato Photographers. Ha pubblicato le sue foto e i suoi articoli su quotidiani e anche su magazine di costume, moda e cronaca. Ha collaborato con Il Corriere del Mezzogiorno on line, la testata regionale del Corriere della Sera, e sue foto sono state pubblicate dall'agenzia di stampa Ansa. Alcune sue immagini sono state pubblicate dal portale Vogue Italia. E' stato chiamato più volte per fotografare importanti eventi sportivi, musicali e di cultura. Una delle sue passioni è il racconto dei luoghi e della gente che li abita.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto