Il biologico toscano – Toscana

Da Firenze a Greve in Chianti tra le fattorie

biologico toscano

Firenze e le sue colline sono un territorio molto conosciuto dai turisti di tutto il mondo, ma se si cambia un po’ lo sguardo, il mezzo di trasporto, e si attraversa uno dei territori più belli e amati del pianeta a piedi, si può vivere un’esperienza molto diversa.

L’itinerario che proponiamo è di sei giorni di cammino, dal 29 ottobre al 3 novembre: ha lo scopo di avvicinare e conoscere alcune realtà contadine che praticano un’agricoltura biologica e sostenibile, che producono prodotti alimentari di eccellenza, per capire come “un’altra agricoltura è possibile”.

Uscendo da Firenze a piedi e attraversando le campagne lentamente, l’armonioso paesaggio toscano si svela in tutta la sua bellezza. Le antiche case del medioevo e del rinascimento, i cipressi e i monumentali pini marittimi, fino ad arrivare alle vigne e agli olivi, compongono un mosaico perfetto e in equilibrio tra l’attività umana e l’ambiente naturale.

In questa stagione i contadini, ma anche tutti i toscani che hanno amici e conoscenti con gli oliveti, raccolgono le olive.

Questa operazione è fatta ancora in molti luoghi a mano e, durante questo viaggio, i camminatori potranno fare un’esperienza diretta della raccolta, di come si produce l’olio toscano, sino ad assaggiare il “mitico olio novo sulla fett’unta”!

Dal Duomo di S. Maria del Fiore…

La partenza è proprio nel cuore di Firenze, davanti al Duomo di S. Maria del Fiore: la città si lascia dolcemente attraversando l’Arno sul Ponte Vecchio e risalendo la collina verso Piazzale Michelangelo, il più famoso balcone sopra Firenze.

Dopo la visita a S. Miniato, per stradelli e campagna si raggiunge la residenza d’epoca I Parigi.

Si continua il secondo giorno con la visita della splendida Certosa del Galluzzo.

Ci si sorprende di quanto verde c’è ancora nei dintorni di Firenze. Si visitano piccoli borghi passando accanto a ville e case coloniche, sempre tra stradine di campagna e sentieri nel bosco.

Si visita poi il Parco di Poggio Valicaia, dove ci sarà la possibilità di vedere la raccolta delle olive, un frantoio e gustare una merenda tra gli olivi.

Nei giorni successivi ci s’inoltra nel Chianti, continuando la visita dei produttori di olio, come l’Azienda Agricola biologica Erta di Quintole, e gustando una cena organizzata dal catering equo e bio della cooperativa equoattiva Zenzero.

Attraverso l’Impruneta si giunge a Santa Cristina in Pancole, dove incontreremo Stefano Pereyra. Visiteremo la sua azienda agricola, dove si produce Chianti biologico e olio d’oliva extravergine, con frangitura a freddo in azienda. Anche il pranzo sarà “a tema” con i prodotti della fattoria.

…al castello di Montefioralle

Si prosegue nei boschi mediterranei del Chianti verso Greti, con una visita all’azienda agricola Podere Le Fornaci, che alleva capre camosciate e produce formaggi caprini biologici. Un gruppo di ragazzi del Nord Italia ha scelto di vivere qui, di ritornare a ritmi più lenti e a una vita più semplice e mentre assaggeremo i loro formaggi, Michele ci racconterà della loro esperienza.

Il viaggio si conclude a Greve in Chianti, con la sua storica piazza del mercato dove si affaccia l’Antica Macelleria Falorni, un altro pezzo di storia chiantigiana, dal 1729 offre le specialità della norcineria locale, e l’Enoteca Del Chianti Classico, la più grande e fornita del Chianti, dove sarà possibile fare una degustazione di Chianti biologici.

Le visite alla Pieve di San Cresci e al Castello di Montefioralle, uno dei borghi più belli d’Italia, concluderanno questa settimana rivolta a viaggiatori consapevoli e attenti alla sostenibilità dell’agricoltura.

Questo magnifico itinerario è organizzato da

Walden Viaggia a Piedi dal 29 ottobre al 3 novembre 2012

www.waldenviaggiapiedi.it

info@waldenviaggiapiedi.it

Tel. +39 051 6264172

LuigiLazzarini@ecoturismonline.it'

Author: Luigi Lazzarini

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto