Hotel Mulino Grande – Lombardia

C’era una volta…

mulino grande

La storia parte da molto lontano e comincia nel più consueto dei modi: c’era una volta un vecchio mulino. Una storia che affonda le sue origini in un antico passato, spolverata di farina di frumento e impastata con acqua.

L’Hotel Mulino Grande è a soli 6 km di Milano, in una dimensione rurale di altri tempi, in un frammento sospeso di tranquillità accanto al castello Visconteo di Cusago, ai bordi di una delle porte più belle del Parco Agricolo Sud.

Già nel Cinquecento questi luoghi, ricchi di boschi, di corsi d’acqua e di fauna selvatica, venivano scelti da nobili e baroni come residenze di caccia.

Ludovico il Moro, che amava abitare queste terre caratterizzate dalla Roggia Soncina, fece dono di tutta l’area e i diritti d’acqua al fattore Antonio Magiono per produrre la farina necessaria a coprire il fabbisogno del Castello e del territorio circostante.

Amore a prima vista

Quando l’architetto milanese Antonella Tesei, passando casualmente da quelle parti, vide il mulino, se ne innamorò perdutamente, nonostante che ai suoi occhi non apparisse altro che un ammasso di ruderi in aperta campagna.

Sicuramente la sua mente fertile aveva già previsto il risultato finale, e cioè quello che oggi è l’Hotel Mulino Grande di Cusago: un eco-design hotel a 4 stelle, pregiato esempio di architettura contadina, pensato come uno spazio di dialogo tra passato e presente, luogo di relax e ristoro, che garantisce gli standard più avanzati di ospitalità.

Ci sono voluti tre anni di intensi lavori di ristrutturazione per trasformare l’antico complesso rurale con mulino nell’attuale struttura architettonica, che ha mantenuto e salvaguardato integralmente l’aspetto originario e la memoria storica.

Un recupero magistrale per il quale sono stati utilizzati e riciclati tutti i materiali rigorosamente naturali, anche quelli dell’edificio demolito, bonificato e reso in doghe. Dalle travi di legno, alle pietre e al cotto, perfino i chiodi, usando malte e vernici ecologiche. Una sorta di cantiere a km zero.

Cromatismi raffinati

Una grande attenzione è stata rivolta al design e all’ecologia. Se l’energia idrica ha sostenuto la vita del Mulino Grande in passato, oggi la climatizzazione del complesso si affida a un’altra fonte di energia rinnovabile, quella geotermica.

L’attuale struttura ricettiva si articola in edifici distinti, uno dei quali accoglie ancora i macchinari dell’antico mulino, restaurati e funzionanti. Un solo edificio, quello che ospitava le stalle, il fienile e gli alloggi dei contadini, risultava talmente compromesso da obbligare a un intervento ex novo, concordato con il Parco Agricolo Sud nel pieno rispetto dei volumi e dei materiali preesistenti.

L’area Lounge del Mulino Grande è caratterizzata dalle tre macine del mulino, con immense ruote in pietra e tramogge in legno, restaurate in tutte le loro componenti meccaniche, valorizzate da una illuminazione che ne esalta la bellezza.

Se la presenza dei corsi d’acqua è stata determinante per la produttività del Mulino Grande, oggi lo è perché, insieme con l’antico ingranaggio metallico, attribuisce al luogo un fascino d’altri tempi.

Gli spazi del parco partecipano allo spirito generale che si respira all’Hotel Mulino Grande, con l’atmosfera quieta e protetta dei giardini cinquecenteschi. Troverete, infatti, una ricca vegetazione di essenze autoctone e tradizionali, come l’ontano nero, il tiglio nostrano, il salice delle ceste, il platano e il gelso nero.

Grigio, terra, toni di verde e rosso scuro sono i giochi cromatici che caratterizzano le linee pulite ed essenziali delle 21 camere, di cui otto suites e junior suites, diversificate dalla scelta di soluzioni romantiche, design differenti e accessi individuali dall’esterno. Tutte immerse nel verde, rispecchiano la filosofia dell’hotel, del rispetto della natura proiettato nel futuro e sfruttano la luce naturale per i bagni in pietra e cristallo.

Relax bio

All’interno dello storico edificio è nata la Bio Spa, il centro benessere dotato di sauna finlandese, bagno turco, cascata di ghiaccio, docce sensoriali, sala relax, quattro cabine beauty & SPA e un ampio parco per il private fitness.

Un’area accogliente è riservata a sofisticati trattamenti per viso e corpo, orientati in primo luogo al benessere psico-fisico globale oltre che alla bellezza.

Gabriella Morandotti, direttore dell’hotel, ci dice: “Ci siamo avvalsi della collaborazione di un marchio d’eccellenza nell’ambito del benessere, la Medicallife, per offrire ai fruitori della nostra BioSpa, “quel qualcosa in più”. Vocazione comune è “creare benessere come stile di vita”, sempre più convinti che la bellezza e il benessere siano prima di tutto uno stile di vita, oltre che un percorso da seguire attraverso l’aiuto di professionisti competenti. Ecco perché condividiamo a pieno la filosofia di Medicallife, che racchiude in sé un approccio scientifico alla cosmesi, oltre a riservare particolare attenzione alle richieste di un pubblico sempre più esigente”.

Dalle cascine alla tavola

Il Ristorante Il Magiono, che prende il nome dal vecchio fattore, sposa la filosofia del chilometro zero con una cucina orientata al territorio e alla tradizione lombarda, offrendo una gastronomia di eccellenza.

Le materie prime fresche provengono direttamente dalle cascine e imprese agricole circostanti e si utilizzano erbe aromatiche e verdure coltivate dall’orto bio del giardino, raccolte nel pieno rispetto della loro stagionalità. In memoria dell’antica tradizione mugnaia, anche la pasta è fatta in casa.

Nella stagione più mite, Il Magiono si estende all’aperto, trasformandosi in luogo ideale per ammirare il cielo stellato della campagna lombarda nelle notti d’estate, allietati dal dolce suono dell’acqua che scorre attraverso le pale del Mulino, dalle rane che gracidano, dalla suggestiva vista sul Castello di Cusago illuminato e dal profumo dei vicini campi di lavanda.

Hotel Mulino Grande

Via Cisliano, Cusago MI

Tel. +39 02 90390731

hotelmulinogrande.it

Verifica la disponibilità in questa bella struttura:

booking.com/mulino-grande

Author: Silvana Benedetti

Sono una giornalista di lungo corso. Curiosa e amante delle novità, ho trattato gli argomenti più disparati. Ma il viaggio e il viaggiare sono sempre stati una costante nella mia vita. Ho cominciato a girovagare da piccola ( la meta più esotica era Cesenatico) e già tenevo dei quaderni diario. Ho continuato da ragazza utilizzando l’autostop e scrivendo di stravaganti avventure. E ancora oggi, con mete sempre più lontane, la storia continua. Sono mutati nel tempo i modi di viaggiare e oggi mi concedo molti lussi in più. Ma lo spirito è lo stesso : scoprire un luogo prima che diventi turistico e se lo è già, scovarne quell’anima nascosta sfuggita agli obbiettivi distratti. Il più grande stress ? Fare le valigie. Vorrei viaggiare leggera come una farfalla, e cioè con l’essenziale, che stia tutto in uno zainetto da portare in spalla.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto