In bici nella Foresta Nera

bici

foresta nera

Con un anno di anticipo sul 200esimo compleanno della bici il Baden-Württemberg presenta già la sua sempre più ricca offerta per cicloturisti.

Nel 2017 saranno esattamente 200 anni da quando Karl Drais inventò a Mannheim il primo velocipede (“Laufmaschine”), la draisina, l’antesignana della moderna bici.

E saranno felici gli amanti delle due ruote perché, in anticipo sull’importante compleanno, il Baden-Württemberg, Land dove si trova la città dell’inventore, presenta nuove piste ciclabili certificate e offerte per le due ruote.

I cicloturisti possono scegliere tra nove piste ciclabili certificate ADFC, la Federazione tedesca dei ciclisti, in tutto il Baden-Württemberg.

Con le piste ciclabili Alta Svevia-Algovia. Danubio-Lago di Costanza e la panoramica della Foresta Nera, si sono aggiunti negli ultimi mesi tre nuovi itinerari riconosciuti dalla Federazione.

La pista ciclabile Amabile valle del Tauber – La classica, inoltre, ha ricevuto per altri due anni il punteggio massimo con cinque stelle.

Oltre alle piste ciclabili certificate, il Land vanta 19 itinerari tematici locali e interregionali, accanto a numerosi altri percorsi disseminati in tutta la regione.

Ogni tour offre diversi livelli di difficoltà per tranquilli amanti delle due ruote, famiglie o professionisti, senza dimenticare la mountain bike, i cui percorsi si concentrano soprattutto in Foresta Nera e nel Giura Svevo.

Un’ampia scelta, un invito a caricare la bici sul treno o sulla propria auto per godersi poi le bellezze del lago di Costanza o della Foresta Nera, e trovare rifugio nei Bed & Bike hotels, che offrono piatti locali e un sonno ristoratore e sono attrezzati per le esigenze dei ciclisti.

Lungo i diversi itinerari, si scopre non solo il panorama del Baden-Württemberg, ma anche la storia della bicicletta.

Succede, per esempio, lungo l’itinerario ciclabile sulle tracce di Karl Drais, per ripercorrere il primo viaggio sulle due ruote intrapreso dall’inventore della cosiddetta draisina a Mannheim. Il 2 giugno 1817 Drais partì in sella al suo velocipede da Mannheim alla volta dell’attuale quartiere di Rheinau e ritorno, impiegando circa un’ora e mezzo.

Il percorso passa anche dal museo della tecnica Technoseum, dove è possibile ammirare una fedele riproduzione della draisina.

Info:

tourism-bw.com

bettundbike.de/en

bahn.com

RedazioneEcoturismonline@ecoturismonline.it'

Author: Redazione Ecoturismonline

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto