La dolce Pasqua della Martesana

Pasqua

Colomba Classica

Ogni festa porta con sé dei piatti tradizionali, menù che variano per sapori e portate ma che si chiudono sempre nello stesso modo: con un dolce. Uno dei più classici per Pasqua, almeno in molte parti d’Italia, è la Colomba. Forse più diffusa al nord che al sud resta comunque un potente simbolo evocativo di pace grazie alla sua forma. Artigianale o industriale che sia, è l’elemento di chiusura del pranzo nel giorno consacrato alla Resurrezione.

La storia vuole che la Colomba affondi le sue radici nella notte dei tempi e chi meglio può interpretarla se non una pasticceria con mezzo secolo di esperienza e successi alle spalle? Si tratta della Martesana, un laboratorio che porta lo stesso nome di un corso d’acqua di Milano che scorre nelle immediate vicinanze.

Martesana è dal 1966 un laboratorio di idee e di innovazione che si aggiorna, cerca e scopre nuovi ingredienti, nuovi abbinamenti e nuove tecniche per aprire inesplorate frontiere del gusto. A Milano è considerata un’icona della pasticceria; lo studio delle ricette è in costante evoluzione per rendere ogni prodotto speciale ed equilibrato, una ricerca continua verso la perfezione che consente l’ingresso di nuove eccellenti materie prime, l’ideazione di packaging inediti ed eleganti, e la realizzazione di prodotti unici nel capoluogo lombardo.

Le colombe sono da sempre uno dei cavalli di battaglia di Martesana, un cult grazie all’altissima qualità delle materie prime selezionate e alla cura estrema del maestro pasticcere Enzo Santoro e del suo staff. Per realizzare una colomba Martesana sono necessarie almeno 48 ore di lavoro, dalla preparazione dell’impasto alla lievitazione, dalla cottura alla fase di riposo. Quel che contraddistingue una colomba di questa fantastica pasticceria è il profumo. Tagliandola sprigiona un bouquet aromatico senza paragoni, dove si distinguono gli agrumi pungenti e freschi, il burro, le uova, la delicatezza del lievito madre. Accanto alla versione tradizionale, quella che tutti conosciamo, l’interpretazione “fusion” con la torta Sacher, arricchita da albicocche semicandite, confettura di albicocche e una copertura di cioccolato fondente belga.

Naturalmente, per ogni Pasqua che si rispetti, non può mancare l’uovo di cioccolato. Quelli di Martesana naturalmente sono realizzati col miglior prodotto disponibile ma anche con una cura per la decorazione che può far parlare di “Egg design”.

Pasqua

Biancomangiare

Se però la parola “tradizione” a qualcuno fa venire l’orticaria, Martesana ha sul suo menù delle nuove torte tipicamente primaverili che possono tranquillamente sostituire la consuetudine. La Biancomangiare vuole celebrare la freschezza del limone; è elaborata con strati di biancomangiare alle mandorle – una rivisitazione del tipico dolce siciliano – alternati con una leggera crema al limone. La torta è coperta da composta di mele caramellate e bacio al limone.

Pasqua

Dolce Poseidon

Oppure Poseidon, vincitrice di diversi premi è un trionfo di cioccolato. Sablé e cremoso al manjari, pan di spagna e bignè, bagna al cioccolato manjari del Madagascar, namelaka alla mandorla e namelaka mango e passion fruit, mousse manjari e guanaja della Francia e glassa fondente sono gli ingredienti di questa golosissima torta, raffinata e potente.

Poi non dite che non c’è l’imbarazzo della scelta.

martesanamilano.com

 

 

 

 

 

Author: Paola Drera

Mi chiamo Paola Drera, milanese di nascita e per residenza ma “nomade” per vocazione. Sono una giornalista freelance che gira l’Italia e il mondo per soddisfare la sete di conoscenza ma soprattutto per la curiosità di scoprire le diverse cucine della Terra. La gastronomia è la mia vera passione; ne scrivo, la sperimento, la rivisito e poi la propongo ai miei ospiti e ai miei lettori. Prediligo le tipicità e i prodotti autentici del territorio - qualunque esso sia - perché come si dice: siamo quel che mangiamo.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto