Il fascino dell’Italia. Dal Cinquecento al contemporaneo – Lombardia

23. VAN WITTEL Palazzo Ducale Venezia San Giorgio

Fino al 6 settembre 2015 nel suggestivo contesto della Villa Reale di Monza è in mostra Il fascino dell’Italia. Dal Cinquecento al contemporaneo: 90 capolavori di pittura, scultura, fotografia eseguiti tra il Cinquecento e il Novecento, prevalentemente opere di artisti stranieri che evidenziano anche il ruolo dell’Italia come “maestra delle arti”.

L’esposizione, prodotta da Consorzio Villa Reale e Parco di Monza, Skira editore e Cultura Domani, con il sostegno di Regione Lombardia, ripropone il mito dell’Italia conducendo tra opere bellissime a ricordare come i grandi artisti stranieri abbiano provato una vera fascinazione per la nostra penisola, coltivandone e diffondendone la leggenda.

Paesaggio con San Gerolamo, Paesaggio con rovine romane, Paesaggio con profeta disobbediente, Il Palazzo Ducale di Venezia visto da San Giorgio, Veduta di Roma con Castel Sant’Angelo, Firenze con l’Arno dalla pescaia di San Niccolò, Eruzione del Vesuvio dal ponte della Maddalena,Grande veduta del golfo di Napoli dai Campi Flegrei, Veduta di Villa Albani da Villa Patrizi, Tempio della Concordia ad Agrigento, Rovine del teatro greco di Taormina in Sicilia, Stromboli I, II, III, Caserta I, fino al recentissimo Dogana (Punta della Dogana, Venezia) del 2013, nella sezione conclusiva sul periodo che giunge alla contemporaneità: ecco protagonisti il paesaggio italiano, ma anche i monumenti italiani, i palazzi italiani, le opere italiane, i volti italiani nello sguardo acuto degli artisti-viaggiatori stranieri che, a partire dal Seicento fino a fine Ottocento, intraprendono il celebre Grand Tour, il viaggio in Italia imprescindibile per la formazione degli uomini di cultura europei e, nel XIX secolo, anche del Nuovo Mondo.

Villa Reale di Monza, dal 23 aprile al 6 settembre 2015

fascinoemito

FrancescaPiana@ecoturismonline.it'

Author: Francesca Piana

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto