Efficiente e silenziosa

nissan leaf

Pioniere della mobilità a emissioni zero, Nissan ha segnato un traguardo storico con l’introduzione di Nissan LEAF, il primo veicolo totalmente elettrico per il mercato di massa venduto a un prezzo accessibile, vincitore di numerosi riconoscimenti internazionali, tra cui i prestigiosi titoli di Auto dell’Anno 2011-2012 in Giappone, Auto dell’anno 2011 in Europa, nonché World Car of the Year 2011 e le 5 stelle EuroNCAP riguardanti la sicurezza.

La Nissan LEAF è una berlina compatta che nasce nel 2011. Il motore elettrico funziona con ioni di litio, grazie ai quali non si produce alcuna emissione contaminante. Non è richiesto né un motore a combustione interna né un combustibile derivato da petrolio (come può avvenire per altre autovetture di questo genere). Può raggiungere una velocità massima di circa 145 Km/h (valori intesi con 4 passeggeri + bagagli; quindi a pieno carico), che garantiscono una veloce risposta e una potente accelerazione oltre a una guida morbida.

Il sistema di frenata è del tipo rigenerativo, cioè l’energia che si produce con la frenata viene recuperata e contribuisce a incrementare l’autonomia del veicolo. Alla guida risulta efficiente e silenziosa.

La Leaf è omologata per il trasporto di 5 persone che siedono comodamente nell’abitacolo spazioso e luminoso. Il bagagliaio purtroppo è poco capiente. La casa madre fornisce una garanzia di tre anni oppure fino a 100.000 km.

Il consumo è di 5,5 kw a chilometro; arriva a percorrere 175 km con un pieno (24 kw). Il tempo di ricarica completa del pacco batteria, utilizzando una presa di corrente a 220 V (la standard presente in ogni casa italiana), è di 8 ore, tempo che può essere ridotto a 30 minuti per ripristinare l’80% dell’autonomia, utilizzando un sistema di carica rapida (Quick Charger).

In questa autovettura il cambio è assente, monomarcia, quindi si guida come una normale auto con il cambio automatico.

Il costo della Leaf, € 38.500, non è irrilevante, ma ci si può consolare con un equipaggiamento decisamente ricco: include la telecamera posteriore che aiuta nelle retromarce, airbag per la testa, attacchi isoli (per intenderci, il sistema di fissaggio per i seggiolini di sicurezza dei bambini), cerchi in lega, climatizzatore automatico, controllo stabilità e trazione, cruise control, fendinebbia, navigatore, radio/cd/mp3/Aux/Usb/Bluetooth, retrovisori ripiegabili elettricamente, sedile posteriore diviso.

Il navigatore segnala anche la presenza di eventuali colonnine di ricarica delle batterie situati nei luoghi di pubblico accesso. Utili informazioni, quali mappe, istruzioni per la ricarica e così via, si possono ricercare anche sul sito www.colonnineelettriche.it.

Visitando il sito www.nissan.it e cliccando sul video in 3D della Leaf, si possono scoprire ulteriori dettagli di questa autovettura e a Milano fino al 1° aprile si può provarla al “Nissan LEAF TOUR” presso la Triennale, unica tappa italiana di un road show europeo.

Un occhio al futuro

Le batterie dei veicoli elettrici, come quelle utilizzate su Nissan LEAF, hanno un ciclo di vita più lungo rispetto a quelle utilizzate su pc e cellulari. Dopo 10 anni conservano, infatti, una capacità energetica pari al 70%. Questa longevità consente di riutilizzarle per applicazioni diverse da quelle automotive, anche dopo che hanno esaurito il proprio ciclo di vita sul veicolo: per esempio, per la creazione di smart grid (reti intelligenti) nei sistemi di gestione energetica avanzata e/o per immagazzinare e conservare l’energia.

Nissan North America, Inc. (NNA) e ABB, il gruppo leader a livello mondiale nell’energia e nella tecnologia, insieme a 4R Energy e Sumitomo Corporation of America, hanno siglato una partnership tesa a valutare le possibilità di riutilizzo delle batterie agli ioni di litio che alimentano Nissan LEAF.

L’accordo ha lo scopo di analizzare e testare le possibili applicazioni commerciali e per uso domestico delle batterie agli ioni di litio, utilizzate in precedenza sui veicoli elettrici, in modo da sfruttarle come sistemi di stoccaggio dell’energia. Questi sistemi permettono di immagazzinare energia dalla rete elettrica nei momenti di basso utilizzo, restituendola alla rete nei periodi di picco della domanda, migliorandone così le prestazioni o consentendo di fornire energia in caso d’interruzione della corrente. L’idea è sviluppare un prototipo del sistema – che utilizzi la batteria di LEAF e abbia una capacità di almeno 50 (kWh) – sufficiente a fornire corrente elettrica a 30 abitazioni per un’ora.

Le case intelligenti

In occasione del CEATEC JAPAN 2011, la più importante fiera giapponese della tecnologia, Nissan Motor Co. Ltd., ha presentato al pubblico la speciale Stand-alone Energy Community, ovvero un’area energeticamente autosufficiente e il sistema LEAF to Home (V2H).

V2H (acronimo per Vehiche to Home) indica un’avanzata tecnologia che consente di utilizzare a scopi domestici l’energia immagazzinata nelle batterie di una vettura elettrica.

Nissan presenta la propria casa intelligente NSH-2012, che utilizza il sistema di ricarica LEAF to Home. Per ottimizzare lo spazio, NSH-2012 sfrutta un design ispirato alle antiche abitazioni giapponesi, con il pavimento molto rialzato da terra. Questa poliedrica stanza si adatta perfettamente al paesaggio urbano del prossimo futuro ed è caratterizzata da una struttura monoguscio (molto diffusa in aeronautica), mentre il pannello esterno del corpo principale è capace di sopportare stress strutturali.

Dotata di un sistema energetico duale, che combina la produzione dell’energia generata da due fonti (sole e celle di combustibile) con l’utilizzo del sistema LEAF to Home, questa abitazione garantisce una fornitura elettrica costante, non influenzata dalle condizioni meteorologiche e, in caso di interruzioni di corrente conseguenti a un disastro, può contare anche sull’energia immagazzinata nelle batterie di un veicolo elettrico.

Il sistema di gestione dell’energia utilizza dispositivi di comunicazione mobile di ultima generazione; così anche le apparecchiature elettriche della casa sfruttano le funzioni di risparmio energetico e le applicazioni di controllo in remoto della manutenzione.

SusannaSforza@ecoturismonline.it'

Author: Susanna Sforza

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto