“Ricetta Milano” aggiunge un posto a tavola

milano

Parco Sempione

Non è una di quelle goliardate da Guinnes dei primati ma sicuramente si farà ricordare, persino in una città come Milano che, come dice l’adagio, una ne pensa e 100 ne fa!

Sabato 23 giugno il Parco Sempione a Milano farà da cornice a Ricetta Milano​, una lunghissima tavolata apparecchiata per accogliere tutti i sapori e gli ingredienti di Milano, la città senza muri. Un pranzo aperto a tutti i milanesi, di nascita o di adozione, invitati a portare il piatto dell’infanzia da condividere con gli altri partecipanti per celebrare il carattere aperto, accogliente e internazionale di Milano, città in cui milanesi si diventa.

Il desco da 2600 metri e capace di ospitare 8000 persone sarà allestito per gli ospiti provenienti da tutti i mondi e comunità della città, dalle multinazionali al mondo dell’artigianato, dalle startup ai centri di ricerca, dalle scuole alle social street, dai centri di accoglienza dei richiedenti asilo agli studenti Erasmus, dalle comunità straniere alle associazioni e alle famiglie. Ognuno contribuirà alla creazione di questa tela e di questo evento corale della città. Per partecipare alla tavolata (in forma individuale o in gruppo) è sufficiente inviare la propria adesione tramite il sito ricettamilano.it  ​indicando oltre ai propri dati anche il piatto che si desidera portare e condividere. Sarà possibile anche prenotare una porzione di tavolo, partecipare come volontario e contribuire all’organizzazione dell’evento.

Milano

Tavolata collettiva

Il progetto ruota attorno al concetto di Milano città aperta, accogliente, internazionale che, grazie alla migrazione interna, nell’ultimo secolo ha saputo proporsi come motore economico. Milano è una delle città italiane che meglio ha risposto all’emergenza migranti negli ultimi anni. Le geografie dei partecipanti e le ricette dei piatti tesseranno la trama per una narrazione di Milano come città dall’identità permeabile, che riflette su se stessa e celebra il proprio carattere. L’evento è stato preceduto da una serie di cene con cui i milanesi hanno aperto lo spazio privato della propria casa a familiari, amici ed estranei con “tavolate preparatorie”, che hanno debuttato il 21 maggio e, di casa in casa, hanno visto il passaggio di un testimone ideale: quello della centralità della relazione e del legame tra le persone fino alla tavolata nel Parco Sempione. Le cene e il banchetto finale al parco formeranno un racconto con migliaia di ricette e storie che verranno documentate attraverso i canali social, generando un ricettario cittadino digitale e una memoria collettiva che verrà raccolta in un libro e un video-documentario.

Ricetta Milano vuole essere un processo partecipativo; ogni commensale offre il suo piatto dell’infanzia, quello dal quale si sente più rappresentato, ne racconta la storia agli altri commensali e ascolta quella dei vicini attivando così un processo di scambio intimo.

Simbolo della giornata sarà proprio la schiscetta, il portavivande iconico del boom economico milanese, che è parte integrante della storia e dei processi sociali della città. L’empatia sarà protagonista, parteciperanno anche dei testimonial, personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, della moda, del design che, pur non essendo nati a Milano, rappresentano la città in Italia e nel mondo.

Anche se non avrete modo di partecipare attivamente, se non troverete un posto a tavola, vi suggerisco di passare a dare un’occhiata. Per il suo carattere aperto e conviviale, nessuno ne avrà a male se vi fermerete a curiosare tra i piatti, se farete domande, se chiederete ricette. Anzi. Si può imparare sempre qualcosa e da chiunque. Uno straniero (come un italiano) è da considerarsi una minaccia solo se indossa un cappuccio e impugna un’arma, per il resto (almeno per quel che mi riguarda), accende la mia curiosità e la voglia di sapere cosa c’è fuori dal mio orticello.

 

 

 

 

 

Author: Paola Drera

Mi chiamo Paola Drera, milanese di nascita e per residenza ma “nomade” per vocazione. Sono una giornalista freelance che gira l’Italia e il mondo per soddisfare la sete di conoscenza ma soprattutto per la curiosità di scoprire le diverse cucine della Terra. La gastronomia è la mia vera passione; ne scrivo, la sperimento, la rivisito e poi la propongo ai miei ospiti e ai miei lettori. Prediligo le tipicità e i prodotti autentici del territorio - qualunque esso sia - perché come si dice: siamo quel che mangiamo.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto