Roma in tre giorni/3

villa borghese

pincio

L’11 dicembre 2015 l’Unesco ha proclamato Roma “città creativa del cinema”: le sue vie, le sue piazze, i monumenti, le chiese, i palazzi, le sue aree archeologiche e la stessa Cinecittà sono un set naturale per le produzioni internazionali.

Oltre a La Grande Bellezza, premiato con l’Oscar nel 2014, ci vengono in mente parecchi film, da Vacanze romane ad Angeli e Demoni, dal film di Woody Allen To Rome with love a Villa Borghese, film in sei episodi diretto da Vittorio De Sica e Gianni Franciolini.

E il terzo giorno a Roma, per rilassarci nella natura e visitare capolavori, scegliamo appunto il Parco di Villa Borghese (M Flaminio o Spagna), detto anche Parco dei Musei per la loro concentrazione in questo luogo.

È uno dei più grandi e amati della città: ha nove ingressi dai quartieri principali e si estende per 79 ettari. Per questo motivo ci si può passare l’intera giornata, tra visite ai musei e al Bioparco, sosta per pranzare e passeggiate nella splendida natura.

Villa Borghese “fuori Porta Pinciana” sorse all’inizio del secolo XVII intorno a un iniziale possedimento dei Borghese, famiglia papale e principesca molto influente di origine senese; progressivamente furono annessi altri terreni fino alla costituzione di un immenso parco.

Al suo interno si trovano edifici, sculture, monumenti e fontane, di epoca barocca, neoclassica ed eclettica, alberi secolari, laghetti, giardini all’italiana e grandi spazi liberi.

Dal punto di vista botanico, il Parco comprende una gran quantità di specie sempreverdi, tra cui lecci e platani, pini domestici con esemplari bicentenari, abeti, cedri.

villa borghese

Noi partiamo dalla Terrazza del Pincio, in piazza Napoleone, il famoso belvedere che si affaccia su piazza del Popolo e su tutta Roma, ed è il posto giusto per godere il panorama più bello e romantico della città e per fotografarla dall’alto.

Da qui, con una golf car noleggiata, facciamo un tour per focalizzare i luoghi che vogliamo visitare con calma in Villa Borghese.

Partendo da piazza Bucarest, prendiamo viale Obelisco e poi viale delle Magnolie fino al piazzale delle Canestre, tenendo sulla destra il Galoppatoio.

Proseguiamo per viale Pietro Canonica e viale dei Pupazzi, incontrando Piazza di Siena, sede del Concorso Ippico Internazionale, così chiamata in onore della città d’origine dei Borghese, fino alla Fontana dei Cavalli marini.

Dopo avere passato viale dei Cavalli marini e via Pinciana, arriviamo a Galleria Borghese, che conserva sculture, bassorilievi, mosaici antichi, dipinti e sculture dal XV al XVIII secolo con capolavori di Antonello da Messina, Giovanni Bellini, Raffaello, Tiziano, Correggio, Caravaggio e splendide sculture di Gian Lorenzo Bernini e del Canova.

Per visitarla, è obbligatoria la prenotazione del biglietto e la visita dura un paio d’ore.

Da qui prendiamo viale del Giardino Zoologico e arriviamo al Bioparco di Roma. Nato come zoo nel 1908, ora è gestito da una fondazione e persegue la conservazione della specie minacciate di estinzione, ospitando circa 200 specie animali fra mammiferi, uccelli, rettili e anfibi provenienti dai 5 continenti.

Sfioriamo la Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea, che conserva una collezione di opere che copre il XIX e il XX secolo, e prendiamo il viale dell’Aranciera, passando accanto al laghetto di Villa Borghese con il Tempietto di Esculapio.

Proseguendo lungo viale delle Magnolie, torniamo al punto di partenza, dopo avere percorso viale Valadier, dove si trova la Casina Valadier, ristorante con una splendida vista su Roma, e il Caffè del Pincio, con menù healthy food anche vegetariani e bio.

villa borghese

casina valadier

La giornata a Villa Borghese scorre piacevolmente, la visita alla Galleria e al Bioparco, la passeggiata tra viali, alberi e prati ci rilassa e ci lascia un ricordo molto seducente di Roma, da conoscere ancora di più: infatti, questo itinerario in tre giorni che vi abbiamo descritto vuole essere semplicemente un assaggio della Città Eterna!

Guarda la MAPPA di Villa Borghese

Piazzale Scipione Borghese 5, Roma

Author: Maddalena Stendardi

Giornalista, ho iniziato a lavorare nelle riviste di viaggio molti anni fa, ed è stato subito amore! Mi sono poi interessata di benessere ed ecologia e ho sommato queste passioni nella mia creatura: Ecoturismonline. Sono attualmente Vicepresidente della NEOS, associazione italiana di giornalisti di viaggio.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto