Sauvignon alla menta

sauvignon

sauvignon alla menta

Per tutti voi amanti del buon bere ecco una nuova rubrica che vi svelerà i segreti e le tecniche per realizzare un fantastico cocktail con ingredienti particolari e selezionati, eccellenze del territorio e della produzione del Bel Paese.

Una piccola guida per neofiti dello shaker con la voglia di cimentarsi nell’arte della mixology, così da poter stupire i propri ospiti con favolosi drink da sorseggiare come aperitivi o nel dopo cena.

Ecco una ricetta di Michele Piagno che unisce dell’ottimo Sauvignon, vitigno a bacca bianca d’origine francese tra i più diffusi al mondo e coltivato anche in Italia, alla freschezza della menta, per una variante profumata e diversa dal classico calice di bianco, capace di conquistare il palato di chiunque.

Il vino scelto per realizzare il cocktail è un Sauvignon Borgo Tesis della Fantinel, prestigiosa azienda agricola di Tauriano (nei pressi dell’antico borgo di Spilimbergo in provincia di Pordenone) ambasciatrice dell’arte vitivinicola friulana nel mondo, un bianco vellutato con delicati aromi di peperone, banana e mela.

sauvignon

sauvignon alla menta

Ingredienti

15 cl Sauvignon Borgo Tesis – Fantinel

Un rametto di menta

Il procedimento è semplice. Se non si possiede uno shaker particolare come il Perlini System (strumento per barman professionisti che permette la carbonizzazione dei cocktail, nella foto) basta essere muniti di un sifone cream (quelli per realizzare creme, mousse o panna montata) caricato con una bomboletta di diossido di azoto (N2O, il cui utilizzo è importantissimo perché è un gas che passa attraverso la menta facendole rilasciare il suo caratteristico profumo senza che il prodotto finale venga gassato) in un cui si versa, il ghiaccio, il Sauvignon e il rametto di menta.

Non si shakera ma si attende circa un minuto, poi si apre e si fa uscire il gas, prima di versare il tutto in un calice.

Nel servirlo abbinate magari un crostino con pesto genovese, pinoli e pomodorino datterino.

 

Author: Michele e Claudio

Michele Piagno, mixologist friulano, docente in diverse scuole di bartending nazionali, consulente per noti marchi del beverage e inventore del “Glow Sweet&Sour”, additivo naturale per rendere fluorescenti i cocktail, è un piccolo mago nell’ideazione e sperimentazione nel pianeta cocktail. Claudio Burdi, giornalista milanese, esperto di comunicazione, press officer e organizzatore di eventi, è un amante del buon bere e del buon cibo e scrive di nightlife, food&beverage e turismo per diverse testate nazionali.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto