The Wall: la conquista del cuore e del palato

the wall

Le origini del Birrificio The Wall, a detta di Stefano Baroni, uno dei fondatori, si perdono nelle nebbie padane di un tempo e oggi sono difficili da ritrovare. Quello che si sa con certezza è che il progetto prende vita nel 2013, quando il birrificio approda in un vecchio capannone tessile riconvertito e ristrutturato a Venegono Inferiore, nel Varesotto, edificio facilmente riconoscibile dal graffito esterno di una vecchia conoscenza milanese, il writer Max Gatto, che da lì a breve sarà anche autore delle etichette sulle bottiglie della birra.

Il nome The Wall deriva da questo specifico elemento, evocando l’opera rock dei Pink Floyd e muri da abbattere. 

Subito Stefano si circonda di esperti birrai, Andrea Rogora e Daniele Martinello. Andrea, dopo molti anni passati a creare, studiare e affinare le sue ricette, ha deciso di compiere il grande salto verso il professionismo, entrando nello staff di The Wall, portando la sua passione e le sue conoscenze delle birre in stile anglosassone. Daniele inizialmente ricopre il ruolo di aiuto birraio presso altri birrifici, per poi occuparsi della produzione e dello sviluppo di nuove ricette all’interno dell’azienda, basandosi sulla sua espressa volontà di creare una birra con un ottimo bilanciamento fra malto e luppolo stile inglese. L’obiettivo comune è di conquistare il cuore e il palato già dal primo assaggio e devo dire che ci sono riusciti.

The Wall inizia a produrre birra avvalendosi subito di una sala cottura completamente automatizzata, affiancata da sedici fermentatori e una moderna linea di imbottigliamento e infustamento, per avere la giusta flessibilità in funzione della domanda, ma senza mai perdere l’obiettivo di qualità.

Il Birrificio ha birre sia a bassa sia ad alta fermentazione. In sintesi: “alta fermentazione” è il processo in cui viene aggiunto “lievito di birra” al mosto, a temperature comprese fra i 12 e i 23 gradi centigradi. Il tutto avviene più rapidamente, e una volta esauriti i lieviti, quel che resta risale verso l’alto, sotto l’effetto dell’anidride carbonica, e galleggia sulla superficie. Queste birre sono anche dette “ALE”. La “bassa fermentazione” è, invece, un processo che richiede temperature di lavorazione tra i 7 e i 9 gradi centigradi. In questo caso il lievito fermenta nel mosto e si deposita sul fondo. Le birre vengono dette “LAGER” e possono essere più dolci e fruttate e tendono ad avere aromi puliti.

REBHELL è una birra dal colore dorato, dall’aroma di malto e miele, facile da bere. Ideale in compagnia di amici, anche lontano dal pasto o leggendo un buon libro.

BILLYGOAT ha un colore ramato scuro dallo stile tradizionale delle LAGER tedesche dolci e fruttate. Ha un gusto al palato avvolgente e bevuta fredda regala un finale pulito e fragrante.

Entrambe sono a bassa fermentazione.

KUBLAKAHN, ispirata alle IPA americane, ha un EBC (grado di colore della birra) di 65, un colore ebano scuro e una schiuma molto densa. Prodotta aggiungendo alcuni malti scuri, al palato si presenta con i caratteristici sentori di caffè e cioccolato.

SUNRAY viene prodotta con un mix di luppoli inglesi e americani che ne danno la colorazione dorata e un retrogusto amaro nel finale.

FIREWATCH, anche lei ispirata alle IPA americane, ha però un caratteristico colore arancio con abbondante schiuma. Il profumo è molto intenso e al palato ha un corpo medio con una chiusura amara non eccessivamente aggressiva.

Queste ultime tre sono ad alta fermentazione.

Se ne sono aggiunte poi altre, da scoprire quando si va in visita presso il birrificio. “Ad un primo assaggio la nostra birra THE WALL ti cattura e alla fine del bicchiere ne senti già la mancanza”. Nulla da aggiungere a questa affermazione.

The Wall – Evo

Via Fratelli Kennedy 3, Venegono Superiore VA

thewallbeer.com

 

 

RedazioneEcoturismonline@ecoturismonline.it'

Author: Redazione Ecoturismonline

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto