Val Fiorentina: storia, bellezza, tradizioni del Cadore

val fiorentina

Pescul – Ph. Franco Voglino

La Val Fiorentina è uno spettacolare angolo di Dolomiti che nascondono nel loro cuore più profondo un mistero: chi era Valmo? Diversi sono i protagonisti di questa piccola ma affascinante e splendida valle delle Dolomiti popolata da un comune e poche borgate che da Selva di Cadore salgono verso il Passo Staulanza.

val fiorentina

Selva di Cadore – Ph. Franco Voglino

Uno è lui: il “caregòn de ‘l Padreterno” (la sedia di Dio): ossia il Monte Pelmo, magnifico torrione roccioso la cui cima tocca i 3.168 metri e che si fregia di essere la prima cima dolomitica ad essere scalata (nel 1857, dall’irlandese John Ball) e sulle cui pendici sorge il primo rifugio italiano delle Dolomiti (il rifugio Venezia-Alba Maria de Luca, eretto nel 1892). Visto dalla Val Fiorentina appare più come un grandioso torrione che come un trono, un monolite immenso che domina la verde vallata caratterizzandone lo sfondo verdeggiante.

val fiorentina

Museo Vittorino Cazzetta – Ph. Franco Voglino

Il secondo protagonista è Valmo, un nome che forse non tutti conoscono. Avete presente Ötzi, l’uomo di Similaun ritrovato nei ghiacci dopo 5mila anni di riposo e che si trova ora in un avveniristico museo di Bolzano? Bene, Valmo di anni ne ha oltre 8mila e riposa ora nel nuovissimo museo di Selva di Cadore.

Non si deve aspettar la pioggia per visitare il museo dedicato a Vittorino Cazzetta, lo scopritore dell’importante sepoltura preistorica, merita anche in una bella giornata di sole poiché si viene portati alla scoperta della vita delle montagne di un tempo così lontano e, incredibilmente, così vicino.

val fiorentina

Fertazza – Belvedere – Ph. Franco Voglino

Se poi si vuole vedere dal vero il sito del ritrovamento archeologico, ebbene, non resta che salire in direzione del Passo Staulanza, fermarsi qualche tornante prima e imboccare la sterrata che porta al rifugio Città di Fiume. Da lì si sale ancora fino ad arrivare ai 2.158 metri di altitudine del Pianoro di Mondeval al cui centro sorge l’enorme masso erratico che per millenni ha fatto da ricovero per cacciatori e pastori e sotto il quale, nel 1987, è stata ritrovata la sepoltura di Valmo .

val fiorentina

Mondeval – Ph. Franco Voglino

L’iniziale segnalazione da parte di Vittorino Cazzetta permise a una équipe di ricercatori di ritrovare lo scheletro del cacciatore mesolitico vissuto 7.500 anni fa. La scoperta fu di portata mondiale, sia per il fatto che lo scheletro e il ricco corredo funebre erano in uno stato di ottima conservazione sia perché fino a quel tempo non si era a conoscenza che i cacciatori mesolitici frequentassero l’alta montagna. Il masso erratico dove è stata ritrovata la sepoltura è meta di un’escursione/trekking tra le più belle delle dolomiti.

val fiorentina

Mondeval – Ph. Franco Voglino

 Lo scheletro dell’Uomo di Mondeval e l’intero corredo assieme ad altre informazioni sulla vita di questo nostro antico antenato sono visibili presso il museo di Selva di Cadore.

Una passeggiata che vale la pena fare anche se non si è interessati all’archeologia, detto per inciso, poiché il sito possiede un fascino assoluto tra forcelle sassose e verdeggianti pascoli (600 metri di dislivello, 8 km, circa due ore solo andata).

val fiorentina

Santa Fosca Toffol – Ph. Franco Voglino

Se non si ama l’escursionismo di quota, allora non resta che volgere i passi verso il più tranquillo Belvedere, sopra Fertazza. Si può raggiungere in due modi: camminando per un’ora e mezza lungo i sentieri che partono dal Passo Staulanza (350 metri di dislivello, 4,5 km solo andata), oppure salire con la comoda funivia che da Pescul porta in due tratte a questo incredibile punto di vista che si apre a 360° verso il grandioso Civetta (3.220 m) ed il sottostante lago di Alleghe, verso la Marmolada (3.343 m), il Sassolungo (3.181 m), il Piz Boè (3.152 m). Una località dove sostare in silenziosa ammirazione!

val fiorentina

Santa Fosca – Ph. Franco Voglino

Se invece non se ne vuol sapere di alte cime ma si preferisce starsene tranquillamente alla modesta ma fresca quota di fondovalle, che si aggira sui 1.500 m, ecco che si può passeggiare tranquillamente per la borgata di Santa Fosca la cui candida chiesa si trova su un ventilato poggio, e soprattutto per le sue storiche frazioni di L’Andria e di Toffol, situate poco a monte.

val fiorentina

Santa Fosca L’Andria – Ph. Franco Voglino

Tra tabià di legno e pietra, mulini e faèr (essiccatoio per le fave) si può trascorrere anche un’intera giornata alla ricerca di dettagli curiosi come, per esempio, il travai, marchingegno che serviva a tener ferme le bestie durante la ferratura. Cavalli e muli? Macchè: mucche!

Informazioni

valfiorentina.it

FrancoVoglino@ecoturismonline.it'

Author: Franco Voglino Annalisa Porporato

Fotografi della provincia di Torino, appassionati trekker e collaboratori con riviste del settore escursionismo e viaggi quali Plein Air, Natura, La Rivista del Trekking, Latitudes, e con riviste famiglia come Kids, Insieme, Giovani Genitori. Collaborano con ditte di materiale outdoor che utilizzano le loro immagini per pubblicità, cataloghi e siti internet. Hanno sempre amato viaggiare in modo autonomo e realizzare immagini vivendo i ritmi lenti del cammino, così da aver il tempo di crearsi un sogno: così, ciò che si vede è colorato dall'immaginazione. Con la nascita della piccola Nora si sono specializzati in itinerari famiglia, sviluppando e testando percorsi a misura di bimbo in collaborazione con varie aziende di promozione turistica delle regioni italiane, e pubblicando guide escursionistiche con itinerari adatti a bambini dagli zero ai cinque anni come la serie A piccoli passi in Piemonte, in Valle d’Aosta, in Trentino e Alto Adige e Passeggiate a fil d’acqua in Piemonte, della Graphot Editrice. Con Edizioni del Capricorno hanno pubblicato A spasso in città-25 passeggiate con i bambini in Piemonte e Tra aquile e balene-25 passeggiate con i bambini in Liguria. Con Terre di Mezzo hanno pubblicato “Il Trekking del Lupo-dalle Alpi Marittime al Mercanotur” e “Piccoli viaggiatori a piedi e in treno”. Per Edizioni Creative è in uscita la guida “Hotel a mille stelle: 20 rifugi baby-friendly del Piemonte”. Stanno sviluppando con Nikon Italia il progetto Occhi aperti con meraviglia che prevede la realizzazione di workshop di fotografia immersi nella natura per bambini dai quattro ai dieci anni d’età.

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto