Weekend con bio e arte a Firenze

Vi proponiamo due nuovi ottimi motivi per andare a Firenze a fine novembre.

Il primo è la riapertura del nuovo Museo dell’Opera del Duomo, con la sua maggiore collezione al mondo di scultura del Medioevo e del Rinascimento fiorentino.

Il Museo è più che raddoppiato: la superficie è passata dai 2.400 metri quadrati del vecchio museo ai 6.000 metri dell’attuale, dove 
tutte le opere hanno trovato una nuova collocazione, e raccontano le vicende sacre e profane legate al complesso monumentale costituito dal Battistero, Cattedrale, Cupola e Campanile di Firenze.

L’Opera di Santa Maria del Fiore ha investito 45 milioni di euro di risorse proprie nella realizzazione del nuovo Museo, che accoglie oltre 750 opere tra statue e rilievi in bronzo di Michelangelo, Donatello, Arnolfo di Cambio, Andrea Pisano, Luca della Robbia e altri Grandi ancora.

Tra queste, circa 200 opere si potranno ammirare per la prima volta dopo i restauri, come la Maddalena di Donatello, la Porta Nord originale di Lorenzo Ghiberti per il Battistero di Firenze e i ventisette pannelli ricamati in oro e sete policrome su disegno di Antonio del Pollaiolo. Nel nuovo Museo trovano posto anche molte opere tenute nei depositi per decenni.

operaduomo.firenze.it

museo

Il secondo motivo: da giovedì 26 a sabato 28 novembre, in Piazza della Santissima Annunziata e nella Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi, ci sarà il primo appuntamento fiorentino dedicato alla cultura biologica.

Local Bio è un evento, che nasce dal lavoro intersettoriale di più associazioni di categoria nella volontà di favorire buone pratiche, propone un mercato, food show, laboratori e incontri aperti al pubblico.

Sarà un’occasione di confronto e conoscenza: il pubblico potrà prendere parte a incontri sui principali temi legati al mondo bio, dalla corretta definizione del che cosa significa oggi “essere bio” alle necessarie politiche di trasparenza nei confronti del consumatore, passando per le prospettive attuali e future legate a coltivazione, produzione e mercato.

Nella Piazza ogni giorno, dalle ore 9 alle 19, andrà in scena una grande mostra mercato dedicata al “mondo bio”, con oltre 50 artigiani del gusto provenienti da tutta la Toscana.

Nella Galleria delle Carrozze di Palazzo Medici Riccardi saranno, invece, ospitati incontri e food show, oltre un’importante area vino con 20 cantine biologiche e biodinamiche toscane.

Apertura dalle 17 alle 21 di giovedì 26, mentre il 27 e 28 il pubblico potrà accedere dalle 11 alle 21.

L’ingresso a Local Bio è gratuito.

Info: Facebook

[email protected]

Per dormire, invece, potete scegliere La Casa dei Tintori, B&B di charme a Firenze nel Borgo di Santa Croce, a un passo da Piazza della Signoria, dove un tempo si trovavano le antiche botteghe artigiane appartenute all’Arte dei Tintori.

Oppure l’Hotel Rivoli, un Boutique Hotel nel centro di Firenze, un tempo sede di un Convento Francescano, pet friendly e adatto per famiglie con bambini.

RedazioneEcoturismonline@ecoturismonline.it'

Author: Redazione Ecoturismonline

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto